Batte in volata Phil Bauhaus. In classifica generale Lopez in Rosa e Pozzovivo settimo

Sul traguardo di Cuneo per la tredicesima tappa, la Sanremo- Cuneo 150 chilometri, arriva in volta il francese Arnaud Demare. Che vince con il tempo di 3 ore 18 minuti e 16 secondi. La Maglia Ciclamino ha resistito alla rimonta di Phil Bauhaus (Bahrain Victorious) secondo. Terzo posto per Mark Cavendish (Quick-Step Alpha Vinyl) seguito Fernando Gaviria. Cinque italiani tra i primi dieci: Giacomo Nizzolo, Alberto Dainese (Team DSM), Simone Consonni (Cofidis),Giacomo Nizzolo (Israel-PremierTech),Andrea Vendrame (AG2R Citroën). Giornata molto calda con una media orari che non ha mai superato i 46 chilometri orari con cinque fuggiti fin dalla partenza: Tagliani Filippo, Julius van de Berg e Mirco Maestri, Lillian Calmejane e Roger Kluge. A oltre 100 chilometri Filippo Tagliani scollina e si allontana rientrando nel gruppo. I fuggitivi diventano quattro fino a diventare tre con la perdita di Mirco Maestri ed essere raggiunti negli ultimi 600 metri da Demare, Cavendish e Bauhaus.

 

Tappa con una sola salita, il Colle di Nava, con un lungo attraversamento della piana cuneese. Lungo il Colle di Nava diverse gallerie illuminate e tutte in salita. Ultimi chilometri all’interno della città. Si superano alcune rotatorie su strade molto larghe, ben pavimentate e rettilinee nella prima parte. Entrati nel centro storico si sono percorsi 800 metri di strada in ciottoli fino a portarsi al rettilineo dell’arrivo con una pendenza media di circa 2.5 per cento. All’arrivo dei 163 corridori ne sono arrivati 162 per il ritiro in corsa di Bardet per problemi di stomaco. In classifica generale Lopez continua a tenersi ben stretta la maglia Rosa seguito da Caparaz con soli 12 secondi di ritardo. Ottima la giornata per il lucano Domenico Pozzovivo che guadagna una posizione in classifica: ora è settimo con un ritardo di meno di un minuto. Domani 14esima si parte da Santena –Torino di 147 chilometri. Tappa breve e molto intensa senza un momento di respiro. Il dislivello complessivo è quello di un tappone alpino.Pozzovivo lo sa.

 

Oreste Roberto Lanza