logo bn ultimo

 

In classifica generale Pozzovivo recupera due posizioni: ora è ottavo

La diciottesima tappa Borgo Valsugana –Trevisodi156 chilometri è di Dires De Bondt portacolori della Alpecin – Fenix. L’ex campione nazionale belga è stato uno dei quattro attaccanti che sono riusciti a beffare il gruppo e giocarsi il successo di tappa sul traguardo di Treviso arrivando in tre ore 21 minuti e 21 secondi. Secondo l’italiano Edoardo Affini con sei secondi di ritardo. Terzo Cort Nielsen, quarto Gabburo. Partenza alle 13,15 con una lunga discesa molto leggera intervallata da qualche breve asperità. Si è passati da dai 358 metri sul livello del mare di Borgo Valsugana ai 14 di Treviso, con i corridori che già dopo una ventina di chilometri hanno affrontato il primo dei due GPM di giornata, Le Scale di Primolano (2,3 chilometri al 5,7 per cento, max. 10 per cento), Successivi 40 chilometri senza alcuna difficoltà altimetriche se non un breve strappetto verso Quero, con una salita in maniera più decisa solo verso il traguardo volante di Valdobbiadene, posto circa a metà percorso. Dopo una ventina di chilometri, un leggero tratto di salita verso Refrontolo ha anticipato di poco il secondo e ultimo GPM in programma, il duro Muro di Ca’ del Poggio.

 

Dallo scollinamento all’arrivo 54 chilometri quasi esclusivamente pianeggianti. Superato il successivo sprint intermedio di Susegana, il plotone si è diretto verso Treviso, dove a 22,2 chilometri dalla conclusione si è entrato nel circuito finale, percorso per una volta e mezza Dopo qualche chilometro subito 4 corridori si avvantaggiano sul gruppo il vincitore di giornata Dries De Bondt (ALpecin-Fenix), Davide Gabburo (Bardiani-CSF-Faizanè), Magnus Cort Nielsen (EF Education-EasyPost) e Edoardo Affini (Jumbo-Visma) . De Bondt transita per primo al GPM insieme con Edoardo Affini (Jumbo-Visma) eDavide Gabburo (Bardiani-CSF-Faizanè). Gruppo che spinge a fondo a cui con passare dei chilometri si aggiungono Magnus Cort Nielsen (EF Education-EasyPost), Arnaud Démare (Groupama-FDJ), Mark Cavendish (Quick-Step Alpha Vinyl), James Knox (Quick-Step Alpha Vinyl) e Diego Ulissi (UAE Team Emirates). Ma a pochi chilometri dalla fine restano in corsa Dries De Bondt, Davide Gabburo, Magnus Cort Nielsen Edoardo Affini (Jumbo-Visma) che utilizzando anche i loro ultimi uomini per tirare, per l’ultimo assalto. Alla fine, ad un chilometro la pedalata di De Bondt è più alta e rapida dell’italiano Affini che deve accontentarsi del secondo posto. Il lucano Domenico Pozzovivo arriva al traguardo con un ritardo di 20 secondi. In classifica generale Pozzovivo recupera due posizioni: ora è ottavo. Carapaz sempre maglia rosa. Domani diciannovesima tappa Marano Lagunare - Santuario di Castelmonte di 178 chilometri.

 

Oreste Roberto Lanza