Sarà Sebastiano Siviglia il prossimo allenatore, mentre Natino Varrà ricoprirà il ruolo di direttore sportivo

Parte il progetto del nuovo presidente del Potenza Calcio Donato Macchia. Per il nuovo campionato 2022/2023 il nuovo allenatore sarà Sebastiano Siviglia, primavera del Lecce, difensore con trascorsi nel Parma, Atalanta, Roma, Nocerina, Ternana in C1 e allenatore del Potenza negli anni 2011/2012. “Un allenatore scelto dopo un ampio colloquio – ha precisato Donato Macchia, neo Presidente del Potenza Calcio - con il nostro nuovo direttore sportivo Varrà che ha permesso di arrivare alla scelta rapidamente in quanto aderente alle caratteristiche della nuova società. Un allenatore che sa ben lavorare con i giovani”. Scelta studiata dal nuovo direttore sportivo Fortunato Varrà, collaboratore al Benevento di Pasquale Foggia e successi in Calabria con il Locri, che ha trovato subito l’accettazione e la conferma del nuovo trainer. Finisce l’epoca di Salvatore Caiata che verrà nominato, dalla nuova dirigenza potentina, presidente onorario per l’ottimo lavoro svolto nei suoi cinque anni di impegno tra la serie D e 4 in lega professionistica.

“Voglio ringraziare Caiata – ha continuato Donato Macchia – per il suo lavoro ed impegno per questa storica società che merita molto rispetto”. Il nuovo progetto di Donato Macchia, presentato nell’occasione di una conferenza stampa svoltasi sul manto sintetico del Viviani alla presenza del nuovo Vice Presidente Angelo Chiorazzo e del rappresentante dell’associazione Potenza 1919 Laviero Cammarota ha prospettive di medio e lungo periodo: “una società cresce se c’è un’attenzione precisa sui giovani.

 

Un primo obiettivo è la costruzione di una Cittadella dello Sport nel perimetro del territorio. Un luogo che ospiterà giovani che verranno anche da altre realtà provinciali con l’intento di far nascere dei talenti”. Un progetto che per la sua realizzazione deve avere un ingrediente importante, la pazienza: “Chiedo pazienza perché si tratta di un progetto importante. Il primo obiettivo sarà quello di valorizzare i giovani locali e talenti provenienti da tutta l’Italia, per fare questo abbiamo bisogno di una dose di tranquillità e di tempo”. Un pensiero anche al nuovo Stadio che probabilmente sarà ampliato portandolo verso i 12 mila posti e la priorità importante legata all’iscrizione al campionato: “tra giovedì e venerdì consegneremo la documentazione”. Un progetto forte e chiaro nelle sue linee, apprezzato anche dal rappresentante dell’associazione Potenza 1919 Cammarota: “vigileremo perché il progetto abbia una concretizzazione e che nel contempo venga garantito una continuità con la strada indicata da Salvatore Caiata”.

 

Oreste Roberto Lanza