Giorgio Mango, Lucia Marsicano e Falvio Mangiamele, sono giovani dalle grosse potenzialità

Giorgio Mango, Lucia Marsicano e Falvio Mangiamele, nuotatori lucani che stanno facendo parlare tutto l’ambiente natatorio dell’Italia. Tre giovani lucani con grosse potenzialità nel settore del nuoto impegnati per portare grandi risultati in terra di Lucania. Giorgio Manzo, di Atena Lucana, all’attivo diverse partecipazioni nazionali importanti, i 100 e i 50 (quarto nell’ultima gara fatta) rana e i 400 misti, medaglia di bronzo nei 200 rana ottenuta a Roma nella piscina di Pietralata, si allena nella piscina di Satriano di Lucania. Flavio Mangiamele si allena nelle strutture della sua Potenza con risultati di grande rilievo nazionale. Unica donna del gruppo la viggianese Lucia Marsicano, appena diciotto anni compiuti con un diploma al liceo delle Scienze Umane e un’attività agonistica iniziata appena ai sette anni che l’hanno portata a ottenere diverse importanti prestazione conseguendo nel 2020 l’oro nello stile libero ai campionati italiani estivi.

Tre giovanissimi nuotatori lucani in cerca di fortuna. Tra questi una donna già con una medaglio d'oro in tasca. Cosa si prova a portare i colori della Basilicata in giro per l'Italia. Contenta e orgogliosa di rappresentare la Basilicata consapevole che la strada sarà tutta in salita, ma nello stesso tempo sono ansiosa di mettermi alla prova.
Con queste prestazioni a Viggiano serve ora avere strutture regolamentari come una piscina olimpionica per poter svolgere le attività di allenamento. Hai pensato di sollecitare l’amministrazione? La piscina olimpionica è uno degli elementi che poiché manca, mi ha costretto a prendere la decisione di andar via dalla Basilicata. La vasca da 50metri è fondamentale per poter prepararsi e gareggiare al pari col resto d'Italia. Personalmente non ho sollecitato l'amministrazione anche perché credo che al giorno d'oggi questi temi siano di interesse pubblico, e non riguardano solo me, ma anche tanti altri atleti presenti sul territorio.

Dopo le ultime ottime prestazioni, quali sono gli obiettivi di fine anno e quali per il 2023. Da settembre cambierò ambiente proverò a migliorare i miei tempi per poter partecipare a competizioni più importanti.

Un sogno che porti sempre con te probabilmente è quello di vincere una medaglia importante. Il sogno di ogni atleta è competere a livelli internazionali rappresentando al meglio la propria patria. Questo è anche il mio, ovviamente. So benissimo che la strada è tutta in salita, ma sono pronta a mettermi in gioco. per il momento le gare in vasca mi attirano di più rispetto alle gare in mare, in cui mi sento meno pronta. Per adesso mi piacerebbe continuare il mio allenamento per le gare in piscina e concentrarmi non su un'unica gara, ma ampliare il mio percorso come effettivamente già sto facendo.

Una risorsa sportiva lucana che è costretta ad andare via per assenza di strutture sportive regolamentari? Mi sono trovata bene con i miei allenatori Vito e Gianni Santarsiero, purtroppo per tentare il salto di qualità occorrono delle strutture come appunto una vasca da 50 metri, che in Basilicata purtroppo manca. Se ci fosse stata la vasca olimpionica, poiché mi sono trovata bene in questi anni con i miei allenatori, non sarei stata costretta ad andarmene. La domanda sorge spontanea: si può pensare che dopo l’emigrazione per lavoro e lo studio la Basilicata debba sopportare anche quella per lo sport?.

 

Oreste Roberto Lanza